16.3 C
Roma
sabato, Ottobre 1, 2022

Economia in frenata, ma la banca guarda avanti con fiducia

Economia in frenata, ma la banca guarda avanti con fiducia

Stiamo vivendo un momento di acuta incertezza nell’economia: dopo l’ultimo tragico biennio determinato dalla pandemia, ora gravi tensioni geopolitiche minacciano la pace in Europa e nel mondo.
L’invasione russa in Ucraina, oltre al dramma di lutti, violenze, distruzioni, è destinata a produrre ferite sociali ed economiche profonde. È una rottura drammatica del processo di integrazione economica e finanziaria internazionale che sta già determinando pesanti ripercussioni sull’approvvigionamento energetico dell’Europa, sull’inflazione, sulla domanda interna e sugli scambi internazionali. Anche prima del conflitto gli ingorghi produttivi mondiali dovuti agli stop and go della pandemia sulle manifatture e i consumi avevano già provocato tensioni inflattive.
Per quest’anno le previsioni di crescita del Pil italiano a gennaio erano del 4%. Ora secondo le più recenti, di Confindustria, non si andrà oltre l’1,9%.


L’inflazione nel nostro paese a marzo è risultata del 6,7% su base annua. Nell’area euro addirittura del 7,5%. Se i costi dell’energia e delle materie prima continueranno a mostrarsi elevati, questi valori potranno ancora aumentare.
In questo contesto, è importante per noi far parte di una grande entità bancaria tutta italiana, il Gruppo BCC Iccrea, che ci consente di ottenere maggiore efficienza, economie di scala e investimenti sul fronte della tecnologia e dei sistemi di pagamento.
Sul fronte dell’immagine e dell’identità il Gruppo ha completato il lancio del nuovo brand, ridisegnando in chiave moderna il tradizionale logo delle BCC abbinato al nodo di Salomone, la doppia C. Anche il logo della nostra Banca è stato ridisegnato, come potete vedere sulle pagine della nostra rivista aziendale.


Ricordo che nel Gruppo noi siamo il maggiore singolo azionista, e puntiamo ad accrescere il nostro peso fino al massimo consentito, pari al 10%. Con le nostre 188 agenzie siamo la banca di gran lunga più grande, frutto di una crescita costante, con bilanci sempre in utile da più di 50 anni. E anche nel 2021 abbiamo chiuso l’esercizio con risultati gestionali e patrimoniali positivi.
Per quanto attiene ai dati di bilancio, a fine dicembre gli impieghi creditizi hanno raggiunto i 9,5 miliardi di euro, con un aumento del 7,9%, a fronte di un incremento dell’1,2% del sistema bancario nel suo complesso. Entro l’anno avremo quasi 10 miliardi di impieghi.
La raccolta allargata ha superato i 14 miliardi, in crescita del 9,9%, grazie soprattutto all’incremento della raccolta indiretta (+11,7%). La componente di risparmio gestito e la componente assicurativa crescono del 19 %.


Riguardo ai risultati economici, il margine di interesse aumenta dell’1,2% pur in presenza di una riduzione della forbice tra tassi attivi e passivi di 10 centesimi; il margine di intermediazione cresce del 6,1%. I costi operativi sono diminuiti del 2,6%. L’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte si è attestato a 45,6 milioni e l’utile netto a 38,5 milioni (+6,9%).
I fondi propri ammontano a 870,1 milioni, in aumento dell’8,1%, mentre i coefficienti patrimoniali CET 1 ratio e Total Capital ratio sono rispettivamente pari al 18,2% e al 19,4%. Si tratta di risultati più che positivi che rappresentano con i numeri la grande patrimonialità della Banca, conseguiti in uno scenario non semplice e che ci fanno guardare avanti con fiducia per crescere ancora.
Ricordo, infine, che il 4 aprile abbiamo inaugurato la nostra terza agenzia all’Aquila, la quinta nel territorio comunale, che vuole rappresentare un ulteriore contributo alla rinascita del centro storico: un segno tangibile di ciò che L’Aquila rappresenta per la nostra cooperativa di credito e più in generale di quanto l’Abruzzo sia importante per noi.

Roberto Gandolfo

Articolo precedentePronti a nuove sfide

Più Popolari

Il capitale artistico di Zeno

Il capitale artistico di Zeno Reduce dal successo della fortunata serie tv Blanca, andata in onda sui Rai 1, nella quale interpretava l’ispettore di polizia...

Siamo pronti per la ripresa

Siamo pronti per la ripresa Intervista a Carmine Daniele, nuovo Responsabile Area Governo Crediti Speciali e Retail della nostra Banca: “ai nostri soci e clienti...

Enzo Badioli

Enzo Badioli l' uomo della cooperazione Un secolo fa nasceva Enzo Badioli (1921-2021), un protagonista assoluto della storia della nostra Banca e, più in generale, del...

Un percorso straordinario

Un percorso straordinario Il 23 dicembre scorso si è tenuta la “Festa degli auguri”, che ha coinvolto tutto il personale della Banca, seppure a distanza....

Tra natura e città

Tra natura e città Le sue origini risalgono addirittura al III secolo dopo Cristo. Poi, nel corso dei millenni, la Basilica è diventata depositaria di...

Insieme contro il caro-energia

Insieme contro il caro-energia Banca di Credito Cooperativo di Roma e Unindustria insieme per supportare le imprese Laziali con un mutuo destinato ad affrontare le...

La nuova agenzia di Cittadella

La nuova agenzia di Cittadella Inaugurati i nuovi locali della filiale di Cittadella, ora posti in zona centrale. Il Vicedirettore Generale Francesco Petitto...

Un grande senso di appartenenza

Un grande senso di appartenenza Una grande partecipazione, un grande senso di appartenenza. È quello che stiamo riscontrando nelle riunioni locali che abbiamo ripreso a...

L’economia cooperativa fa bene al Paese

L’economia cooperativa fa bene al Paese Nella recente edizione delle “Giornate di Bertinoro per l’Economia Civile”, tenutasi con il contributo di Federcasse e centrata sulla sfida...

Il microcredito, strumento sostenibile ed efficace

Il microcredito, strumento sostenibile ed efficace BCC Roma crede fortemente nello strumento del microcredito ed è tra i principali operatori italiani del settore. Grazie anche alla...