Verso il Festival dell’Economia Civile

Un webinar organizzato da Scuola di Economia Civile in collaborazione con la nuova Scuola Cooperativa di Federcasse ha messo a tema i mesi che hanno cambiato le vite di tutti noi a causa dell’emergenza coronavirus. Erano presenti in collegamento, tra gli altri, Sergio Costa (Ministro dell’Ambiente) e Leonardo Becchetti (Direttore del Festival Nazionale dell’Economia Civile e co-fondatore NeXt)

In attesa della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile – in programma a Firenze dal 25 al 27 settembre 2020, nato da un’idea di Federcasse che lo promuove insieme a Confcooperative, organizzato e progettato con NeXt (Nuova Economia Per Tutti) e SEC (Scuola di Economia Civile) e con il contributo di Fondosviluppo – si è tenuto un incontro online di preparazione al Festival: “Dal Lockdown al knockdown?”. L’incontro fa parte di un ciclo di webinar partito il 18 aprile e organizzato da SEC in collaborazione con la nuova Scuola Cooperativa di Federcasse.

Il webinar – coordinato da Lorenza Lei (Prorettore Università e-Campus) – ha affrontato argomenti di interesse generale relativi ai mesi che hanno cambiato le vite di tutti noi, a causa dell’emergenza coronavirus. Erano presenti in collegamento Sergio Costa (Ministro dell’Ambiente), Leonardo Becchetti (Direttore del Festival Nazionale dell’Economia Civile e co-fondatore NeXt), Andrea Delogu (Conduttore radiotelevisivo) e Alessandra Ghisleri (Direttrice Euromedia Research).

Leonardo Becchetti

La natura, durante questo periodo di lockdown, si è ripresa il suo ruolo predominante e – ha precisato il Ministro Costa – ciò conferma come basti veramente poco per arrivare a mitigare il problema ambientale. “In questa direzione, quindi, mi pare opportuno scegliere un post-covid che tenga conto di quanto abbiamo toccato con mano. La tragedia del coronavirus rimane tale, ma non deve però essere seguita da una nuova tragedia ambientale. Dobbiamo prendere nota di quanto successo per cambiare il paradigma dell’ambiente. Non è vero, infatti, che la ripresa economica sia necessariamente in contrasto con la tutela dell’ambiente”.

Sergio Costa

Ovvio – ha proseguito il Ministro – che la convivenza tra i due fattori deve essere regolamentata. In un momento in cui abbiamo vissuto questa crisi, la prima cosa da fare è dare liquidità e far sopravvivere aziende e famiglie. Il primo punto è un piano energia e clima che guardi agli anni successivi, immaginando un paradigma economico che collimi con la tutela dell’ambiente e del clima. È sicuramente un processo da seguire passo dopo passo sul lungo termine. Nel breve periodo – ha aggiunto il Ministro Costa – dobbiamo guardare allo smart working con ottimismo. L’Unione Europea, rimanendo in ambito ambientale, ha preso un impegno solenne: un nuovo green deal europeo. Questo significa che nel campo ambientale si vuole tracciare un solco nuovo. Da qui – ha concluso il Ministro – dobbiamo partire per cambiare il paradigma ambientale nel post emergenza.

“Le aree di squilibro del nostro sistema – ha dichiarato invece il prof. Becchetti – sono tutte correlate e se le affrontiamo separatamente, avremo inevitabilmente dei problemi. Oggi questa epidemia ci lancia un campanello di allarme: parlare di rischi ambientali ed economici non è da radical chic. Queste tragedie possono mettere sul lastrico centinaia di migliaia di famiglie. In Italia abbiamo dei dati molto completi, che dimostrano la correlazione tra i tanti fattori. Tra questi dati ci sono il lavoro continuo delle aziende che non si fermano ed anche l’aumento dell’inquinamento e delle polveri sottili. Proprio quest’ultimo fattore incide sui nostri polmoni: è assodato che la presenza di polveri sottili aumenti il rischio infiammatorio per malattie polmonari. Indipendentemente da questo, il tema di policy è: far ripartire l’economia, ma in maniera etica verso l’ambiente. A questo va collegata la digitalizzazione del lavoro e dell’istruzione. Prendere la macchina per andare a lavoro o a scuola, significa implementare l’inquinamento. Questo periodo così duro e di profonda riflessione ci deve portare ad un modello di vita nuovo. Non è sicuramente facile, ma è una battaglia culturale e politica da affrontare. Lo smart working – ha proseguito Becchetti – ci regala un gruzzolo di tempo liberato. Noi stessi dobbiamo diventare amministratori del nostro tempo tra lavoro, tempo libero e svago. Siamo di fronte ad un’opportunità eccezionale di digitalizzarci: non sprechiamola. L’economia civile in questa situazione di crisi propone un nuovo paradigma che amplia la tradizionale dicotomia stato-mercato, introducendo elementi come la cittadinanza attiva e la responsabilità sociale di impresa”.