Un sostegno forte ai nostri territori

di ROBERTO GANDOLFO

Sicuramente l’anno che ci siamo lasciati alle spalle ce lo ricorderemo per sempre. È stato un anno terribile per il mondo intero e per il nostro Paese. 

La nostra Banca, in questo contesto molto difficile, ha chiuso il 2020 con volumi in forte crescita. E questo non era un risultato scontato, ma è frutto delle relazioni che abbiamo saputo costruire nel tempo con i nostri soci e clienti. 

Pur nell’emergenza, sostenendo un grande sforzo dal punto di vista organizzativo per tenere operative il più possibile le nostre 188 agenzie, quest’anno abbiamo incrementato la compagine cooperativa di circa 3.000 soci e abbiamo inaugurato 2 nuove agenzie, a Ronciglione, in provincia di Viterbo, e a Isernia, in Molise, la quarta regione dove la banca è presente. 

I dati gestionali sono positivi e in linea con le nostre attese prefissate, tenuto conto della pandemia.

Iniziamo dagli impieghi. A fine dicembre sono pari a 8,9 miliardi, in aumento del 10% rispetto alla fine dello scorso anno. Un dato di grande soddisfazione. Abbiamo ben veicolato le fonti nazionali di credito agevolato nei nostri territori, e questa non è cosa da poco.

La raccolta diretta è pari a 10,3 miliardi, in crescita del 6%. La raccolta indiretta è di  2,4 miliardi, in aumento del 14,6%. Il risparmio gestito è aumentato del 16,3%. I rendimenti del risparmio gestito, nonostante la pandemia in corso, sono stati molto soddisfacenti, producendo effetti positivi nei portafogli della clientela che ci ha affidato in gestione e in consulenza i propri risparmi.

La raccolta totale risulta di 12,7 miliardi, in crescita del 7,5%, quindi di quasi 900 milioni. 

Sono numeri che esprimono quanto di buono è stato fatto e ci danno la possibilità di guardare con fiducia al prossimo futuro, valorizzando ancor di più il nostro ruolo di banca del territorio. Il conto economico del 2020, le attività previste da svolgere nel 2021 e la nostra grande solidità patrimoniale, ci consentono di accantonare per i rischi fondi più che adeguati, tenuto conto dei criteri sempre più stringenti in materia.

D’altro canto, come sappiamo, la pandemia sta colpendo duramente anche sul piano economico, con migliaia di attività imprenditoriali in difficoltà o vera e propria crisi e perdita di posti di lavoro. In questa situazione si conferma il nostro ruolo importante nelle comunità locali.

In questi mesi abbiamo fortemente sostenuto le imprese e le famiglie, supportando soci e clienti, facendo leva su tutte le misure poste in atto dallo Stato con le garanzie pubbliche e le moratorie.

Il peggio sembra alle nostre spalle, si vede una luce, ma non dobbiamo diminuire l’attenzione, perché il 2021 sarà ancora un anno molto delicato. Per questo vogliamo impegnarci ancora più intensamente, e lo faremo rafforzando l’azione capillare delle nostre filiali.