Un costante percorso di crescita

Alla scoperta dei nuovi territori in cui BCC Roma porterà il suo modello mutualistico e di sostegno al tessuto civile ed economico. Dal Veneto a Isernia, borghi ricchi di storia, arte e imprenditorialità

La Banca di Credito Cooperativo di Roma continua il proprio percorso di crescita, confermandosi punto di riferimento del Credito Cooperativo italiano.

La solida situazione patrimoniale della Banca, infatti, grazie a decenni di redditività continua, consente di avviare nuovi programmi di sviluppo territoriale nel nord e nel centro Italia.

Il primo ambito di intervento, dopo il successo dell’acquisizione della ex BCC padovana, riguarda ancora il Veneto, con l’acquisizione di 10 agenzie di Banca Sviluppo a suo tempo rilevate da alcune BCC in stato di crisi.

Lonigo

Albaredo d’Adige

Per effettuare l’acquisizione è stata necessaria, nel rispetto della normativa di vigilanza, la costituzione di 4 nuove sedi distaccate della Banca.

La prima è a San Bonifacio, in provincia di Verona, cui farà capo l’agenzia di Lonigo, che si trova invece in provincia di Vicenza.

Come gran parte delle terre venete, San Bonifacio vanta un significativo tessuto imprenditoriale, con ben 2.300 attività dislocate in vari settori. Significativo anche il patrimonio storico culturale con apprezzabili gioielli architettonici, tra cui la medievale abbazia romanica di San Pietro, che ospita gli affreschi di scuola giottesca riproducenti la vita di S. Benedetto.

Poco distante, a ridosso dei colli Berici, si trova Lonigo, ricca di un passato tutto da scoprire. Con un’economia prevalentemente agricola, basata sulla produzione di riso, formaggi e salumi tipici, Lonigo possiede un’eccellente tradizione vinicola.

La seconda sede distaccata è ad Albaredo d’Adige, in provincia di Verona, che si sviluppa alla sinistra del corso dell’omonimo fiume.

È qui presente un’economia prevalentemente agricola, con numerosi allevamenti di bestiame e una importante produzione di mele e fragole, ricca di circa 500 imprese attive. Albaredo fa parte della zona di produzione del vino Arcole DOC. La settecentesca Canonica adiacente alla Chiesa è uno dei tanti fiori all’occhiello della cittadina. Da ammirare le numerose Ville settecentesche, tra cui Villa Malaspina Pellegrini e Villa Perosini Fontana.

Borgo Veneto

Montagnana

A Borgo Veneto, in provincia di Padova faranno riferimento cinque sportelli ubicati nei comuni di Montagnana, Ospedaletto Euganeo, Casale di Scodosia, Merlara e Urbana.

È il settore agricolo il fulcro economico di Borgo Veneto, con vaste colture cerealicole e di tabacco. Un numero notevole di fattorie e allevamenti avicoli ne delineano l’intero paesaggio. Di particolare interesse storico è Montagnana, un gioiello medievale d’intaccata bellezza, con una splendida cerchia muraria, che è tra le meglio conservate in Europa. Portici, casette colorate e stradine acciottolate si snodano fra piazze e monumenti, come l’imponente Duomo.

Ultima sede distaccata veneta, sempre in provincia di Padova, è quella di Arquà Petrarca, uno dei borghi più belli d’Italia, incastonato nei colli euganei. La cittadina mantiene inalterato il suo fascino medievale e parte della sua fama la deve, oltre che alla bellezza, al grande poeta Francesco Petrarca, che qui passò gli ultimi anni della sua vita.

Arquà Petrarca

Isernia

Le testimonianze di questo passato sono ancora vive con bellezze architettoniche come Palazzo Contarini e Casa Strozzi. E poi il laghetto della Costa, nominato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Ma BCC Roma non cresce solo al Nord.

Con la nuova sede distaccata di Isernia la Banca approda in Molise, in una città dove il Credito Cooperativo non è ancora presente ma dove se ne avverte concreta una forte domanda.

A Isernia l’attività economica è incentrata sull’agricoltura, con piccole imprese artigianali conciarie, dolciarie, ma anche meccaniche e automobilistiche.

La città vanta origini antichissime. Fu uno dei primi insediamenti paleolitici d’Europa, poi città sannita e in seguito Municipium romano.

In tutte le nuove aree la nostra Banca conta di fare bene, coniugando la crescita aziendale con la diffusione dei valori del credito cooperativo.