Torneremo a viaggiare

Abbiamo incontrato il signor Armando Bezzegato, socio della nostra Banca e titolare a Campodarsego dell’agenzia di viaggi Ambra Tours, che da molti anni lavora a stretto contatto con Sodalitas, l’Associazione di mutuo soccorso della BCC di Roma. I viaggi, ci ha detto Bezzegato, rappresentano un importante momento di aggregazione per i soci della Banca

Signor Bezzegato, quando ha iniziato a occuparsi di viaggi?

Circa 20 anni fa. Prima lavoravo in un’azienda in cui mi occupavo di export, poi ho deciso di cambiare attività. È così che nel 2000 ho aperto la mia prima agenzia di viaggi. Poi nel 2007 ho acquistato l’Ambra Tours di Campodarsego, che era proprietà della Banca Padovana, quella che successivamente è stata acquisita dalla BCC di Roma. Ero già forte dell’esperienza accumulata in questo settore e sapevo che Ambra Tours organizzava per Sodalitas i viaggi dedicati ai soci. Da lì, prima con la Banca Padovana e poi con BCC Roma, è cresciuto un sodalizio forte e apprezzato. Al punto che un po’ mi sono sentito e mi sento rappresentante della Banca, perché il legame tra il territorio e la Cooperativa di Credito passa anche per l’attività dei viaggi, a cui i soci tengono molto.

Come si è strutturato il rapporto della sua agenzia con la BCC di Roma?

BCC Roma si è spesa positivamente per rilanciare questa attività sociale, ha mostrato interesse e sensibilità, capendo il valore di Sodalits e il suo ruolo sul territorio. Per capire: presso l’AltaForum facciamo ogni anno la presentazione dei viaggi, illustrati in un libretto ben dettagliato. E si tratta sempre di incontri molto sentiti e partecipati. C’è insomma un grande interesse, anche se in questo momento siamo totalmente fermi, purtroppo, a causa della pandemia. 

Quali viaggi avrebbe in mente di fare, qualora nel 2021 questa emergenza dovesse rientrare?

Forse a partire dalla primavera inoltrata si potranno fare dei viaggi in Italia. Coloro che saranno vaccinati potrebbero – se la situazione lo permetterà – ricominciare a muoversi oltre i confini in cui ci ha ristretto il Covid e riprendere un po’ di entusiasmo. Posso solo dire che i viaggi in programma nel 2020 erano importanti: Giappone, Dubai, India, Parigi, Armenia, la Cappadocia. E poi Ponza, Matera, Firenze. Senza dimenticare i consueti viaggi di una sola giornata a Venezia. Ma tutto è in sospeso. Di certo non ho perso la voglia e l’entusiasmo. E spero che nel 2021 si possa fare la cena che organizziamo ogni anno con i soci: siamo in genere in 200, e si respira la voglia di viaggi e il piacere di stare insieme.

G.P.