Maccarese (Fiumicino) – Il primo museo del saxofono

Un luogo unico nel suo genere che offre un percorso nella storia  di uno dei più importanti strumenti musicali del Novecento

A settembre è stato inaugurato a Maccarese (Fiumicino) il primo Museo del Saxofono, che ospita una collezione di centinaia di esemplari, anche preziosi, che raccontano l’evoluzione di uno degli strumenti più affascinanti della musica.

Il Museo articola la sua attività attraverso esposizioni tradizionali ed interattivo-dinamiche, una programmazione educativa e didattica multi-generazionale, strutture di ricerca e performances musicali estremamente coinvolgenti.

Il Museo del Saxofono nasce grazie all’amore e all’esperienza del musicista e docente Attilio Berni, che in 30 anni di attività ha compito un meticoloso lavoro di raccolta. In esposizione diversi esemplari: dal piccolissimo soprillo di 32 centimetri, al gigantesco contrabasso di 2 metri. Dal Grafton Plastic agli strumenti di Adolphe Sax, l’inventore del sassofono. Dal mitico Conn O-Sax al Selmer CMelody di Rudy Wiedoeft, dal Jazzophone, tromba-sax con doppia campana, ai grandiosi Conn Artist De Luxe. E ancora sax a coulisse, saxorusofoni Bottali, tenori Selmer appartenuti a Sonny Rollins. Presente anche il mastodontico sub-contrabasso J’Elle Stainer, il sax più grande del mondo vincitore del Guiness World Records di proprietà di Gilberto Lopes.  Non mancano i sax-giocattolo. 

Insomma, un percorso per conoscere le innumerevoli metamorfosi del saxofono incontrando i grandi capolavori delle fabbriche Conn, Selmer, King, Buescher, Martin, Buffet Crampon, Rampone, Borgani, Couesnon. Questo, e molto altro in un autentico spazio della cultura musicale saxy che ospiterà anche visite guidate, audizioni con gli strumenti dei grandi musicisti del passato, corsi di musica, masterclass, conferenze, rassegne, installazioni multimediali e, naturalmente, molti concerti.