L’edizione 2019 millumino di meno

Anche quest’anno BCC Roma e il Credito Cooperativo italiano hanno aderito all’iniziativa, promossa dalla trasmissione “Caterpillar” di Rai Radio2. La cornice dell’evento è stata fornita dalla Giornata del Risparmio energetico del 1° marzo scorso

Nel 2018 le BCC avevano promosso il camminare come gesto di rispetto dell’ambiente e di mobilità sostenibile con il progetto “Chi cammina lascia l’impronta”. L’anno precedente l’iniziativa del Credito Cooperativo “Condividere accende l’energia” aveva vinto il Premio Best Event Award 2017 (BEA Italia) nella categoria ‘evento innovazione nella sostenibilità.

L’edizione 2019 di “M’illumino di meno” è stata invece dedicata all’economia circolare. E “L’economia che ri-genera il futuro” è lo slogan scelto quest’anno dal Credito Cooperativo per raccontare in particolare l’indice di impatto di finanza geo-circolare che caratterizza l’attività delle Banche di Credito Cooperativo.

Per l’occasione Federcasse ha elaborato un decalogo dedicato alle famiglie che vogliono ridurre il loro impatto ambientale rendendo circolare l’economia domestica. Le parole d’ordine sono le tre “R”: Riduci, Ricicla e Riusa.

1. Ri-duco gli sprechi e compro sfuso Acquistare alimenti sfusi e detersivi o saponi “alla spina”, oppure in ecoricarica, minimizza l’impatto del packaging sulla quantità di rifiuti che si generano.

2. Ri-metto in tavola una cena antispreco, così finisco gli avanzi La dicitura “da consumare preferibilmente entro” si riferisce solo al mantenimento delle caratteristiche definite come standard dal produttore, ma si possono consumare i cibi in tutta sicurezza anche dopo quella data.

3. Ri-fiuto la plastica: non uso piatti, posate, bicchieri usa e getta e dico no alle cannucce La plastica è il terzo materiale più diffuso sulla terra, ma meno di un terzo dei rifiuti plastici viene riciclato.

4. Ri-acchiappo i rifiuti mentre faccio jogging Il “plogging” è la nuova moda svedese di correre e insieme raccogliere i rifiuti dalle strade e dai parchi cittadini. Per restare in forma e aiutare l’ambiente.

5. Ri-ciclo creativamente Internet è pieno di idee per dare nuova vita praticamente a tutto: pneumatici che diventano fioriere, caffettiere che diventano lampade. Il divertimento è assicurato.

6. Ri-porto il vecchio cellulare in negozio invece di gettarlo nella spazzatura Dal 2016 i negozi con superficie superiore ai 400 mq sono obbligati a ritirare i Raee (rifiuti di apparecchiature lettriche ed elettroniche) di piccole dimensioni anche in assenza di un nuovo acquisto.

7. Ri-chiedo la doggy bag al ristorante Oggi portare a casa il cibo che non si è mangiato al ristorante è diventata, finalmente, una consuetudine. Complice anche un nuovo nome più accattivante cioè “family bag”.

8. Ri-spengo le luci: è la giornata del risparmio energetico Spegnere le luci, non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici, condividere l’auto: uno stile di vita più sostenibile è fatto di piccoli gesti.

9. Ri-compro energia verde con bcc energia Nel 2018 le BCC, con le società consorziate e le aziende clienti, hanno utilizzato 115.626.422 kWh di energia verde.

10. Ri-scelgo bcc, la banca dell’economia geo-circolare Per ogni 100 euro di risparmio raccolto nel territorio, le BCC ne impiegano in media 85. Il 95%, ossia 81 euro, diventano credito all’economia reale di quel territorio.