Lab, un 2019 all’insegna del territorio

Presentati lo scorso 14 dicembre i Presidi territoriali del Laboratorio Giovani Soci della nostra Banca. Obiettivo, ridurre ulteriormente la distanza tra i giovani soci e la Bcc di Roma e avviare un ricambio generazionale della compagine sociale

Prosegue l’attività del Laboratorio Giovani Soci, con il 2019 inaugurato all’insegna dell’attenzione al vasto ed eterogeneo territorio sul quale opera la Bcc di Roma. Lo scorso 14 dicembre, nella sede aziendale di Viale Oceano Indiano, a Roma, si è svolto il primo incontro tra la Consulta centrale del Laboratorio e i neo costituiti Presidi Territoriali. All’incontro sono intervenuti anche il Direttore Generale Mauro Pastore, i due Vice Direttori, Roberto Gandolfo e Francesco Petitto e il Vice Presidente Maurizio Longhi. Un gesto di attenzione (in realtà sempre costante) attraverso il quale i vertici della Banca hanno voluto nuovamente sottolineare la vicinanza ai giovani soci, nei confronti dei quali nutrono grandi aspettative sulla partecipazione futura.

Attenzione al territorio

Quella dell’attenzione al territorio è uno dei pilastri delle banche di credito cooperativo e ovviamente anche della Bcc di Roma. Ripetendo la positiva esperienza, ormai storica, dei Comitati locali, anche il Laboratorio Giovani Soci ha voluto avviare delle strutture, chiamate Presidi territoriali, che rappresentino la voce dei giovani soci della Bcc di Roma sul territorio. I gruppi sono composti da ragazze e ragazzi tra i 18 e i 40 anni, che hanno il compito non solo di segnalare eventi o particolari iniziative che riguardano il loro territorio, ma anche di essere loro stessi promotori, sempre con il sostegno del Laboratorio, d’interventi sul territorio di appartenenza. Questo il motivo, per il quale sono stati creati cinque Presidi, in rappresentanza di tutta l’area operativa della Bcc: Lazio Nord, Lazio Sud, Roma e Provincia, Abruzzo e Padovano.

Gli obiettivi da raggiungere con i Presidi sono molteplici. Prima di tutto invertire il flusso di comunicazione nei confronti dei giovani soci. Non solo la Consulta centrale del Laboratorio che da via Sardegna invita i giovani ad un evento, ma i giovani soci che dal loro territorio invitano la Consulta a partecipare ad altre iniziative. Poi c’è la necessità, importantissima per una “banca della gente” come lo è la Bcc di Roma, di intercettare le differenti esigenze del territorio e dei giovani che lo vivono: il Laboratorio, su segnalazione dei Presidi, potrà anche valutare l’ipotesi di affiancare l’organizzazione o patrocinare un particolare evento che coinvolge i giovani sul territorio.

Infine, l’obiettivo principale: ridurre la distanza tra i giovani soci e la Banca e avviare un ricambio generazionale della compagine sociale. Il Laboratorio, infatti, ha come missione anche quella di far comprendere la grande differenza che passa tra l’essere semplici correntisti di una banca e l’essere soci di una cooperativa di credito che affonda le radici nella storia, come la Bcc di Roma, che quest’anno celebra i suoi 65 anni di attività.

Prossimi eventi

Anche il calendario dei prossimi eventi del Laboratorio è all’insegna della territorialità. Il prossimo evento si svolgerà sabato 13 aprile, con un incontro presso il Teatro comunale di Rignano Flaminio, cittadina nella Provincia di Roma, nel nord del Lazio, per i festeggiamenti della quinta edizione del Festival del Libro. Ebbene, in quell’occasione il Laboratorio incontrerà i giovani soci, ma anche gli studenti dell’ultimo anno degli Istituti scolastici locali, per parlare di orientamento allo studio e di Scienza comportamentale. Poi sarà la volta dell’Aquila, dove il 10 maggio il Laboratorio porterà la società di Stato Invitalia a parlare del fondo Resto al Sud dedicato ai giovani fino ai 46 anni. In quell’occasione, si svolgeranno anche dei tavoli one to one, grazie ai quali i giovani potranno sedersi al tavolo con i funzionari di Invitalia e avere consigli su un progetto imprenditoriale. Infine il 30 maggio, nella sede di Microsoft, il Laboratorio incontrerà Luca La Mesa, Social Media Strategist di fama europea e Fabio Moioli, Direttore della Divisione Enterprise Services di Microsoft Italia, per dibattere di futuro tecnologico dell’Italia e del mondo.