Il microcredito per ripartire

Aperto ad Avezzano lo “Sportello informativo sul microcredito e l’autoimpiego”, che servirà a fornire servizi di informazione e accompagnamento alla fruizione di uno strumento economico importante nella cornice emergenziale che stiamo vivendo. BCC Roma, che è una delle banche leader proprio in tema di microcredito, darà il suo apporto

In un momento in cui il Paese sta lentamente iniziando la riapertura del processo produttivo, dopo lo stop imposto per tante settimane dalla pandemia, l’accesso al credito diventa uno strumento indispensabile per aziende, professionisti e famiglie. È in questa cornice che il Comune di Avezzano ha attivato uno “Sportello informativo sul microcredito e l’autoimpiego“ in collaborazione con l’Ente Nazionale per il Microcredito. La presentazione si è tenuta il 4 giugno ad Avezzano, presso la sala consiliare, e vi hanno preso parte il Commissario straordinario del Comune, Mauro Passerotti, il Presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, Mario Baccini, e il Presidente BCC Roma, Francesco Liberati, oltre a molti rappresentanti di associazioni di categoria.

Il Prefetto Mauro Passerotti, dopo aver ringraziato BCC di Roma e l’Ente, ha illustrato gli interventi del Comune a sostegno di famiglie e imprese nell’ambito della crisi Covid-19: dai buoni pasto concessi a 900 famiglie in difficoltà ai contributi per le aziende, sino alla concessone di spazi all’aperto per agevolare gli operatori economici e territoriali. Ora – ha aggiunto – è il momento del credito sociale e, di qui, la nascita dello Sportello, col fine di mettere in campo tutti gli strumenti possibili in una situazione di ristrettezze finanziarie, che colpiscono anche la pubblica amministrazione. C’è bisogno – ha concluso – di un forte valore aggiunto dei soggetti interessati: Comune di Avezzano ed enti pubblici della Marsica, Banca di Credito Cooperativo di Roma ed Ente del Microcredito.

Il Presidente dell’Ente Nazionale del Microcredito, Mario Baccini, ha rimarcato l’impegno del Commissario, volto a salvaguardare il bene comune e consegnare alla futura amministrazione strumenti di utilità sociale concreti e attuabili. BCC Roma – ha ricordato Baccini – è stata le prime banche italiane a credere nel microcredito in Italia, sostenendo una politica sociale di mercato attiva. Baccini ha quindi descritto lo spirito e il funzionamento del microcredito, che deve essere accompagnato, per essere considerato tale, da precisi servizi e condizioni, illustrando poi la collaborazione con BCC Roma e l’importanza del fondo di garanzia messo a disposizione dal Comune di Avezzano per sostenere famiglie e microimprese ora e nei prossimi durissimi mesi.

Quindi l’intervento del Presidente BCC Roma Francesco Liberati, che ha premesso come BCC Roma sia la terza banca italiana più attiva nel settore del microcredito, e la prima nelle regioni dove è presente. BCC Roma – ha ricordato – è convenzionata con l’Ente nella Provincia de L’Aquila, ed è la Banca, quindi, a cui ci si può rivolgere con fiducia per l’erogazione dei finanziamenti.

Liberati ha poi aggiunto di aver “colto subito l’invito del Commissario straordinario del Comune di Avezzano non solo perché questo territorio è a me particolarmente caro ma anche per la difficile situazione economica che sta vivendo, acuita dalla profonde conseguenze della crisi generata dal Covid-19. Consideriamo pertanto fondamentale l’aver rafforzato il supporto creditizio attraverso lo strumento dello Sportello, che saprà indirizzare famiglie e imprese verso le soluzioni più utili e sicure”.

“Sin dall’inizio dell’emergenza Covid, BCC Roma – ha continuato Liberati – si è attivata, sia con la moratoria dei finanziamenti in essere, sia con l’emissione di finanziamenti alle Pmi, oltre alle iniziative di solidarietà come le donazioni alle strutture ospedaliere e la raccolta fondi per il sistema sanitario”.

Liberati ha ricordato anche che la Banca, come cooperativa di credito strettamente legata al territorio, è da tempo attiva anche nel Comune di Avezzano con iniziative di inclusione sociale: la convenzione con la Diocesi per finanziamenti di microcredito nell’ambito del progetto Policoro della Caritas italiana e la convenzione con la Fondazione Jubilaeum delle diocesi abruzzesi per i finanziamenti anti-usura con sede ad Avezzano. Così come intensi sono i rapporti con la finanziaria regionale FIRA per la gestione di iniziative di sostegno per le imprese abruzzesi. Per questo, ha concluso il Presidente, “abbiamo ritenuto fondamentale intensificare il nostro contributo a questo territorio per mitigare gli effetti della crisi e contribuire ad una ripartenza la più rapida, forte e inclusiva possibile”.