I pipistrelli, un risorsa importante

“Tutela Pipistrelli” è una APS (Associazione di Promozione Sociale) che dal 2012 si occupa di salvaguardare e far conoscere le 35 specie presenti in Italia di questi preziosi animali, oggi a rischio estinzione a causa del suo predatore più importante: l’uomo

“Tutela Pipistrelli” è un’associazione meritoria e dal nome esplicativo: si occupa infatti di salvaguardia, recupero e riabilitazione di pipistrelli in difficoltà trovati dai cittadini, ma anche del monitoraggio delle colonie, in particolare nel Lazio (su richiesta, anche in tutto il territorio italiano). Forma i volontari da inserire poi nei progetti didattici e nell’ambito del recupero e della riabilitazione. Segue le principali ricerche scientifiche in tema collaborando con diverse università.

Alessandra Tomassini – Presidente Tutela
Pipistrelli Aps

“La nostra associazione – spiega  la Presidente Alessandra Tomassini – nasce con lo scopo di proporsi come raccordo tra ricercatori, mondo scientifico e pubblico, fornendo le informazioni corrette su l’ordine dei Chirotteri. Il nostro primo obiettivo è il benessere dell’animale perché, quasi sempre, la non conoscenza porta a porsi verso i Chirotteri con un atteggiamento profondamente sbagliato, che sfocia nella  diffidenza se non addirittura nell’ostilità verso questi fantastici animali. È per questo che puntiamo molto sulla didattica attraverso incontri, seminari e convegni aperti a tutti, grandi e bambini, e che portiamo avanti in tutta Italia con i nostri volontari”.

L’attività è articolata e prevede consulenze telefoniche, via e-mail e in loco a chi ritrova pipistrelli feriti e debilitati, o semplicemente a chi ha bisogno di avere delle informazioni generali. 

Non manca l’attività didattica, con convegni dibattiti, seminari, incontri a tema e bat-night nelle scuole, nei parchi e nelle oasi, nei musei, nelle Università. Tutto questo implica un rapporto costante con il mondo della speleologia, con corsi di formazione per aggiornare gli speleo sugli adeguati comportamenti da tenere in grotta in caso di presenza di pipistrelli. 

“Tutela Pipistrelli” è strettamente collegata con i CRAS (Centri di Recupero Animali Selvatici) e funge da raccordo con il mondo scientifico ed universitario per promuovere la ricerca e la divulgazione delle corrette informazioni legate al mondo particolarissimo dei pipistrelli. 

Parte importante del lavoro dell’associazione è costituito dalla voliera. Si tratta di una struttura di circa 400 mq, di cui 120 adibiti ad area di volo, che ospita gli individui che devono allenarsi al volo per il futuro rilascio in natura. 

Una parte della struttura è adibita a degenza: qui, infatti, vengono ospitati pipistrelli neonati, giovani, feriti e debilitati che hanno bisogno di un periodo di cura per poter accedere all’area di volo. In degenza sono tenuti anche gli individui irrecuperabili: quei pipistrelli che purtroppo per problemi di diversa natura (ali fratturate, problemi neurologici, rachitismo dovuto a malnutrizione attuata da privati) non raggiungono un tempo di volo sufficiente (15 minuti  consecutivi) atto a dare loro la possibilità di essere liberati in natura.

Nella struttura vengono, tra l’altro, organizzate bat-night in cui è possibile visitare la voliera e in alcune occasioni assistere alla liberazione dei Chirotteri pronti per affrontare la libertà. 

Attualmente l’associazione sta cercando contributi per realizzare un sistema che assicuri la ventilazione estiva della voliera. La voliera è realizzata infatti in una ex serra all’interno della quale, con l’attuale incremento delle temperature nei mesi estivi, si accumula troppo calore.

 

 

 

 

 

 

Foto di Alessandra Tomassini