Città 5G le opportunità di crescita per i giovani

All’Aquila il convegno promosso dal Lab. Presenti il Sindaco Biondi, l’Università e la multinazionale cinese ZTE. Il protocollo di trasmissione dati 5G è 1000 volte superiore al 4G

Il miglioramento dell’assistenza sanitaria, una maggiore sicurezza delle città, un nuovo sistema di gestione della mobilità, beni culturali e poli museali in realtà virtuale aumentata, ottimizzazione delle reti di distribuzione elettrica (smart grid), evoluzione dell’industria manifatturiera e del terziario. Sono questi alcuni dei settori ai quali sarà applicata la cosiddetta tecnologia 5G, la cui sperimentazione è partita in cinque città italiane tra le quali c’è anche l’Aquila. E proprio nel capoluogo abruzzese il Laboratorio Giovani Soci della Bcc di Roma ha voluto fare il punto su quali possano essere gli sbocchi professionali e le opportunità di crescita per i cittadini, per il territorio, e, soprattutto, per i giovani. Lo ha fatto realizzando, sabato 14 aprile, il convegno dal titolo “Città 5G, opportunità di crescita per i giovani”, durante il quale si sono confrontati esperti del settore, imprese e Istituzioni, oltre ai rappresentanti della Banca di Credito Cooperativo di Roma. Al sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, intervenuto insieme al Vicesindaco Guido Quintino Liris, la BCC di Roma ha voluto donare un video promozionale e istituzionale sul 5G all’Aquila, con interviste al Sindaco stesso, ai rappresentanti di Open Fiber, Wind Tre, dell’Università dell’Aquila e naturalmente della Banca di Credito Cooperativo di Roma. Biondi ha ricordato il forte legame che unisce la Banca alla città, concretizzatosi nella delicata fase che ha seguito il terremoto del 2009 con un fondo di 1 milione e mezzo di euro per il restauro di palazzo Margherita, a cui si sono aggiunti altri 3 milioni e mezzo raccolti dal Credito Cooperativo nazionale.

 

Al convegno, a interrogarsi su come ragazze e ragazzi di oggi potranno cogliere le opportunità offerte da questo nuovo protocollo di trasmissione dati, 1000 volte superiore al 4G, è intervenuto Alessio Beltrame, oggi Direttore Organizzazione e Pianificazione Strategica della Fondazione Ugo Bordoni, che fino allo scorso anno ha seguito tutta la genesi del bando 5G in qualità di Capo Segreteria Tecnica del Sottosegretario alla Comunicazione Antonello Giacomelli. Dopo Beltrame ha preso la parola Fabio Graziosi, Professore del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’informazione e matematica dell’Università dell’Aquila. L’ateneo, infatti, ha sottoscritto un Protocollo d’Intesa con la multinazionale cinese ZTE, per rilanciare il settore della ricerca applicata al 5G. Proprio la ZTE Italia ha inaugurato il 6 febbraio scorso un laboratorio di ricerca di 1.000 metri quadrati presso il tecno-polo dell’Aquila. A raccontarne l’attività che viene svolta al suo interno, è intervenuto l’Ing. Antonio Autolitano, Chief Marketing Officer della ZTE Italia. E visto che i buoni progetti, per essere tali, oltre alle idee hanno bisogno di finanziamenti, a chiudere il convegno è intervenuto Domenico Buonocunto, Responsabile del Servizio Marketing della Bcc di Roma, spiegando tutte le opportunità di accesso al credito riservate ai giovani, focalizzandosi in particolare sul bando Resto al Sud, che concede finanziamenti a tasso agevolato ai giovani tra i 18 e i 35 anni residenti nelle 8 regioni del Meridione, tra le quali anche l’Abruzzo.

Al convegno, al quale hanno preso parte oltre 170 ragazzi e ragazze, tra giovani soci della Bcc di Roma, studenti dell’Università e dell’I.I.S. Amedeo d’Aosta dell’Aquila, indirizzo Elettronico ed Elettrotecnico, è stato associato, in pieno spirito di sinergia con il territorio, l’evento internazionale di Sport Guinness PRO14, nel corso del quale si sono svolte le partite tra l’Aquila Rugby Club vs CUS Genova valida per il campionato di Serie A e Zebre Rugby Club vs Dragons, quest’ultima squadra rappresentante il Galles nel torneo europeo Guinnes Pro14.