img_1430sfu

Insieme per Amatrice

Il tragico sisma del 24 agosto e le speranze di rinascita. L’impegno di BCC Roma dalla messa in campo dei primi aiuti ai progetti per le fasi successive di complesso ripristino sociale, civile e infrastrutturale

24 agosto 2016, ore 3,36: un sisma devastante colpisce il Centro Italia con epicentro situato lungo la Valle del Tronto tra i comuni di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto. Viene ferito al cuore un magnifico pezzo d’Italia tra Lazio e Marche. Le conseguenze drammatiche del terremoto hanno occupato le cronache italiane in queste settimane: quasi 300 le vittime, mentre l’aiuto determinante di Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino e volontari ha permesso di estrarre vive dalle macerie 238 persone. Incalcolabili i danni, che hanno riguardato anche il prestigioso patrimonio culturale della zona, in particolare proprio di Amatrice, dove, tra l’altro, sono stati distrutti la facciata e il rosone della quattrocentesca chiesa di Sant’Agostino.

Il Presidente Francesco Liberati e il Direttore generale Mauro Pastore insieme al sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi

Il Presidente Francesco Liberati e il Direttore Generale Mauro Pastore insieme al sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi

La nostra Banca, presente ad Amatrice con una sua filiale dal 1999, è in lutto per i soci, i dipendenti e i clienti colpiti con le loro famiglie da questa catastrofe. BCC Roma ha subito messo in campo un’articolata serie di iniziative finalizzate a fornire i primi aiuti, senza dimenticare le fasi successive di complesso ripristino sociale, civile e infrastrutturale.

Dal giorno successivo al sisma, dalle filiali della Banca in provincia dell’Aquila sono stati inviati ad Amatrice 15 quintali di vettovaglie. Per garantire poi l’operatività della filiale n. 62, resa inagibile dal sisma, è stato  subito attivato un camper attrezzato  per il supporto bancario alla clientela e alla popolazione. Il camper è situato nell’area compresa tra il palazzetto dello sport e il campo sportivo di fronte al Comando della Protezione Civile di Amatrice.

La nostra Banca ha anche avviato una raccolta fondi per sostenere iniziative di solidarietà a favore delle comunità colpite dal sisma e la realizzazione di interventi di più lungo termine.

Layout 1Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre stanziato 150 milioni di euro per la concessione di crediti agevolati per soci, clienti e dipendenti appartenenti all’agenzia di Amatrice. Si tratta di misure per la concessione in misura agevolata di crediti di sussistenza, mutui per la ricostruzione degli immobili e per l’acquisto di autovetture e finanziamenti per le imprese. La Banca, inoltre, ha aderito al Protocollo ABI per la sospensione delle rate dei mutui, relativi a immobili residenziali o commerciali gravemente danneggiati dal sisma.

Il 5 settembre il Presidente Francesco Liberati e il Direttore Generale Mauro Pastore si sono recati in visita ad Amatrice, dove hanno incontrato il Sindaco Sergio Pirozzi per capire da vicino le esigenza di sostegno immediato e più a lungo termine.

“Accanto alle condoglianze alla cittadinanza e, in particolare, alle famiglie dei nostri clienti e soci colpiti dal terremoto – ha dichiarato dopo l’incontro il Presidente Liberati – oggi abbiamo deciso nuove e concrete misure per aiutare quanto più possibile le comunità colpite dal sisma. A nome di tutta la Banca posso assicurare che proseguiremo il nostro impegno e che lo sforzo a favore della ricostruzione sarà il più intenso possibile”.

img_1186

L’ impegno di BCC Roma si unisce, peraltro, a quello messo in campo nelle ore immediatamente successive al terremoto da Federcasse, che ha avviato un’apposita raccolta fondi.

Nel seguito del servizio, alcune testimonianze raccolte agli inizi di settembre.

Layout 1